Fonti Islamiche

    1. home

    2. article

    3. Com’è considerato il guardare foto oscene di persone non musulmane su internet, ecc.?

    Com’è considerato il guardare foto oscene di persone non musulmane su internet, ecc.?

    Com’è considerato il guardare foto oscene di persone non musulmane su internet, ecc.?
    Rate this post

     

    Com’è considerato il guardare foto oscene di persone non musulmane su internet, ecc.?

     

    Domanda

    Com’è considerato il guardare immagini indecenti e foto oscene di persone non musulmane e sconosciute su internet, ecc.?

     

    Risposta (di islamquest.net)

    Guardare immagini indecenti e oscene di persone non musulmane e sconosciute, nel caso sia causa di concupiscenza, con l’intenzione di provare piacere e crei corruzione, fornendo l’occasione di peccare, secondo l’opinione di tutti i giurisperiti e dei marja’ è vietato[1]. Tuttavia alcuni marja’, anche in assenza di queste condizioni, ovvero la concupiscenza, l’intenzione di provare piacere e il causare corruzione, affermano che è vietato, cioè vietano in modo assoluto il guardare immagini oscene.[2] Altri marja’ invece, come l’ayatollah Bahjat, differenziano il vedere foto oscene dai video indecenti, vietando in modo assoluto la visione di questi ultimi, cioè sia in caso di concupiscenza o meno, musulmani o meno, conoscenti o meno, sia che causi corruzione o meno.[3]

    Di seguito vi invitiamo a riflettere su due domande tratte dal libro Resale-ye Daneshju-y (compendio di regole religiose per universitari):

    1. Qual è la norma riguardante il guardare film pornografici (dove la maggior parte delle attrici non sono musulmane) se non eccitano colui che li guarda?Risposta: Tutte le guide (ad eccezione dell’ayatollah Tabrizi e Sistani): “Dal momento che vedere questo tipo di film, è causa di concupiscenza e peccato, non è permesso vederli”.[4]

    L’ayatollah Tabrizi: “Guardare film che incitino alla concupiscenza proibita o diffondano corruzione nella società, non è permesso”.[5]

    Ayatollah Sistani: “Guardare con concupiscenza e pericolo di commettere peccato, è vietato; inoltre per precauzione obbligatoria lo è anche in assenza di queste condizioni”.[6]

    2. Mentre si naviga in internet, a volte accanto ad alcuni articoli, compaiono delle immagini oscene che vediamo involontariamente; cosa consigliate di fare?L’Imam Khomeini e gli ayatollah Tabrizi, Khamenei, Sistani, Fazel e Vahid: “Se involontariamente il vostro sguardo cade su di esse, non c’è problema, però guardarle con piacere è vietato e per precauzione obbligatoria lo è anche in caso non si abbia l’intenzione di provare piacere o non si corra il pericolo di commettere peccato”.[7]

    Gli ayatollah Bahjat, Safi, Makarem e Nuri: “Se lo sguardo cade involontariamente su di esse, non c’è problema, però guardarle di proposito (anche senza l’intenzione di provare piacere), è vietato”.[8]

     

    Note

    [1] Quesiti posti agli uffici degli ayatollah Khamenei, Bahjat, Makarem e Fazel.

    [2] Quesito posto all’ufficio dell’ayatollah Khamenei.

    [3] Quesito posto all’ufficio dell’ayatollah Bahjat.

    [4] Ayatollah Khamenei, Ajwibat al-Istifta’at, quesito 1187; Ayatollah Safi, Jami’ al-Ahkam, vol. 2, pag. 1717; Ayatollah Fazel, Jami’ al-Masa’il, vol. 1, quesiti 1729 e 1731; Ayatollah Makarem, Istifta’at, vol. 1, pagg. 778 e 782; quesito posto agli uffici dell’imam Khomeini e degli ayatollah Nuri, Bahjat, Vahid, ecc.

    [5] Ayatollah Tabrizi, Istifta’at, quesiti 1603 e 1605; Sirat al-Nijah, vol. 5, quesito 1129.

    [6] Sistani.org (film), questione 4.

    [7] Imam Khomeini, Ta’liqat ‘ala al-‘Urwah, (Ahkam al-Takhalli), questione 2; ayatollah Makarem, Istifta’at, vol. 2, pag. 1033 e Ta’liqat ‘ala al-‘Urwah, (Ahkam al-Takhalli), questione 2; ayatollah Safi, Jami’ al-Ahkam, vol. 2, pag. 1707; ayatollah Nuri, Ta’liqat ‘ala al-‘Urwah, (Ahkam al-Takhalli), questione. 2; quesito posto all’ufficio dell’ayatollah Bahjat; ayatollah Sistani, Ta’liqat ‘ala al-‘Urwah, (Ahkam al-Takhalli), questione 2 e Sistani.org (immagini), quesiti 1 e 2; ayatollah Tabrizi, Sirat al-Nijah, vol. 3, pag. 778; ayatollah Khamenei, Ajwibat al-Istifta’at, quesito 1314; ayatollah Fazel, Jami’ al-Masa’il, vol. 1, pag. 1731 e Ta’liqat ‘ala al-‘Urwah, vol. 1, (Ahkam al-Takhalli), questione 2; quesito posto all’ufficio dell’ayatollah Vahid.

    [8] Seyyed Mojtaba Hosseini, Resale-ye daneshju-y, pp. 204 e 206.