Fonti Islamiche

    1. home

    2. article

    3. Gli aspetti spirituali dell’Hajj: l’Imam Zaynul Abidin (as) e Shiblì

    Gli aspetti spirituali dell’Hajj: l’Imam Zaynul Abidin (as) e Shiblì

    Gli aspetti spirituali dell’Hajj: l’Imam Zaynul Abidin (as) e Shiblì
    Rate this post

     

    Gli aspetti spirituali dell’Hajj: l’Imam Zaynul Abidin (as) e Shiblì

     

    Quando l’Imam Zaynul Abidin (as) tornava dal Pellegrinaggio (Hajj), una persona chiamata al-Shiblì, anche egli di ritorno dal Pellegrinaggio, si avvicinò per riceverlo. Quando si incontrarono, l’Imam (as) gli chiese:

    – “O Shiblì, hai realizzato il Pellegrinaggio?”

    – “Si, o figlio dell’Inviato di Dio!”

    – “Sei giunto a Miqat, hai tolto i tuoi vestiti cuciti e hai realizzato il ghusl (abluzione rituale maggiore)?”

    – “Si”, rispose Shiblì.

    – “Quando ti trovavi a Miqat, eri cosciente di toglierti gli abiti del peccato ed indossare quelli dell’obbedienza [a Dio]?”

    – “No.”

    – “E quando hai rimosso i tuoi abiti cuciti, intendevi rimuovere l’ostentazione (riya), l’ipocrisia (nifaq) e le cose su cui vi è il dubbio (che siano lecite)?”

    – “No.”

    – “E quando hai realizzato il ghusl (abluzione rituale maggiore), intendevi purificarti dalle tue bassezze e peccati?”

    – “No.”

    – “Allora non sei passato per il Miqat, non ti sei spogliato dei tuoi vestiti cuciti, né hai realizzato il ghusl,” disse l’Imam (as). Poi chiese: “Hai purificato te stesso, sei entrato nello stato di ihram (stato di consacrazione al Pellegrinaggio) e formulato l’intenzione per il Hajj?”

    – “Si.”

    – “Mentre lo facevi, intendevi volgerti a Dio attraverso la luce del pentimento (tawba), ritornando a Dio sinceramente e purificando la tua anima dai peccati e dalle bassezze?”

    – “No.”

    – “E quando sei entrato in stato di ihram, intendevi proibirti tutto ciò che Allah, l’Altissimo, ha proibito per sempre?”

    – “No.”

    – “E quando hai fatto il patto (ahd) di Hajj, intendevi rimuovere ogni legame con altri che Dio e sottometterti solamente al patto formulato con Lui?”

    – “No.”

    – L’Imam (as) gli disse: “Allora non hai purificato te stesso, non sei entrato in stato di ihram, né hai fatto il patto di Hajj.” L’Imam (as) gli chiese poi: “Sei entrato al Miqat, hai realizzato due raka’at di Preghiera di ihram e pronunciato (il dhikr) ‘Labbaik’?”

    – “Si”, rispose Shiblì.

    – L’Imam (as) chiese: “E quando sei entrato al Miqat, lo facevi con l’obiettivo di incontrare spiritualmente Allah?”

    – “No.”

    – “E quando hai offerto due raka’at di Preghiera, intendevi avvicinarti ad Allah attraverso la migliore delle azioni e la più grande virtù dei (Suoi) servi, che è la salah (Preghiera rituale)?”

    – “No.”

    – “E quando hai pronunciato la talbiyah (la formula rituale che si recita durante il Pellegrinaggio), la tua intenzione era quella di aprire la tua bocca solo nell’obbedienza a Dio e chiuderla ad ogni peccato?”

    – “No.”

    – “Non sei entrato al Miqat, non hai realizzato le tue Preghiere, né hai pronunciato la talbiyah.” Poi l’Imam (as) gli chiese: “Sei entrato nell’Haram, visto la Ka’bah e offerto le Preghiere?”

    – “Si.”

    – “Quando sei entrato nell’Haram, intendevi proibirti la maldicenza e l’offesa alla dignità di ogni musulmano?”

    – “No.”

    – “E quando hai raggiunto Makkah, il tuo pensiero e la tua intenzione erano quelli di recarvisi solo per Dio?”

    – “No.”

    – “Allora non sei entrato nell’Haram, non hai visto la Ka’bah, né offerto le tue preghiere.”

    – Poi l’Imam (as) chiese: “Hai fatto il Tawaf (la circumbulazione intorno alla Ka’bah), toccato i suoi angoli e realizzato il sa’ì (la corsa rituale tra Safa e Marwah)?”

    – “Si.”

    – “Mentre realizzavi il sa’ì, la tua intenzione era rifugiarti in Dio (dagli inganni di Satana e dalle tentazioni della tua nafs), il Conoscitore dei segreti, dei pensieri e delle intenzioni?”

    – “No.”

    – “Allora non hai realizzato il Tawaf, non hai toccato le pareti della Ka’ba né hai fatto sa’ì.”

    – L’Imam proseguì: “Shiblì, hai toccato la pietra nera, ti sei fermato al Maqam Ibrahim (as) e realizzato due raka’at di Preghiera?”

    – “Si, Imam.” Rispose Shiblì.

    In questo preciso momento l’Imam levò un grido di tristezza e la sua anima stava per perire. Poi riprese i sensi e disse:

    – “Ahi, Ahi! In verità toccare la pietra nera è come dare la mano a Dio, l’Altissimo! Per tanto, Shiblì, attento a non trasgredire questo patto di somma importanza e sporcare la tua mano con l’impurità dei peccati di cui sono impuri i peccatori. Quando ti trovavi nel Maqam Ibrahim, avevi l’intenzione da quel momento in avanti di essere obbediente al Creatore e voltare le spalle a tutti i peccati?”

    – “No”, rispose.

    – “Nel realizzare la Preghiera presso questo luogo eri cosciente che stavi realizzando la Preghiera del Profeta Ibrahim e che attraverso essa stavi sconfiggendo Satana?”

    – “No.”

    – “Allora non hai toccato la pietra nera, né sei stato nel Maqam Ibrahim, né hai realizzato la Preghiera. Ti sei forse diretto al pozzo di Zam-Zaman e hai bevuto dalla sua acqua?”

    – “Si”, rispose Shiblí.

    – “Mentre la bevevi, avevi l’intenzione di obbedire pienamente a Dio e di chiudere i tuoi occhi alla totalità dei peccati?”

    – “No.”

    – “Allora non ti sei diretto al pozzo, né hai bevuto della sua acqua. Shiblì, hai corso tra le colline di Safa e Marwa?”

    – “Si.”

    – “Nel farlo, sapevi che ti trovavi tra il timore e la speranza (nei confronti di Dio)?”

    – “No.”

    – “Allora non hai corso tra le due colline. Ti sei forse recato da Mecca verso Mina?”

    – “Si.”

    – “Nel percorrere il tragitto avevi l’intenzione di mettere al riparo il tuo prossimo dalla tua lingua, dal tuo cuore e dalla tua mano?”

    – “No.”

    – “In questo caso, non sei andato a Mina. Sei stato ad Arafat, ti sei recato sul Jabal al-Rahma (la Montagna della Misericordia), hai riconosciuto la valle di Namarat (montagna che si considera appartenente a Arafat) e presso al-Mil e Jamarat hai conversato (munajat) con Dio?”

    – “Si”, fu la risposta.

    – “E durante la tua permanenza ad Arafat, hai compreso che ogni scienza e sapienza appartiene a Dio, e che il tuo destino e il computo delle tue azioni si trovano nelle Sue mani e che Lui conosce i segreti del tuo cuore?”

    – “No.”

    – “Nello scalare Jabal al-Rahma, sapevi che Dio è misericordioso verso ogni uomo e donna credente, ed è Egli a guidarli e sostenerli?”

    – “No, o Imam”, fu la risposta.

    – “Mentre eri a Namarat, hai formulato l’intenzione di non ordinare ad altri qualcosa che tu non faresti e di non vietare qualcosa che tu faresti?”

    – “No.”

    – “E durante la tua permanenza presso Alam e Namarat (segni dell’Haram che si trovano nella montagna di Namarat), sapevi che entrambi sono testimoni dei tuoi doveri e che insieme agli Angeli guardiani ti stavano proteggendo?”

    – “No.”

    – “Allora non sei stato a Arafat, non hai scalato la Montagna della Misericordia, non hai conosciuto Namarat, né parlato con Dio. Sei passato forse tra i Due Segni (Al-Alamain), offrendo prima due raka’at di Preghiera, camminato per Muzdalifah, raccolto le pietre e fatto ingresso nel Ma’sharul Haram?”

    – “Si”, rispose Shiblì.

    – “Nel realizzare la Preghiera, sapevi che si trattava di una preghiera di ringraziamento che si compie nella notte del decimo giorno, che facilita le difficoltà e riporta serenità e tranquillità?”

    – “No.”

    – “E nel passare tra questi Due Segni, sei stato attento a non volgere il tuo corpo verso sinistra o destra e avevi l’intenzione di non deviare mai dalla religione divina per voltarti a destra o sinistra, né con il tuo cuore, né con la lingua o qualsiasi altro dei tuoi organi?”

    – “No.”

    – “Quando camminavi per Muzdalifah e raccoglievi le pietre, avevi l’intenzione di allontanarti dai peccati e dall’ignoranza e sostituirli con la conoscenza e le buone opere?”

    – “No.”

    – “Nel fare ingresso nel Ma’sharul Haram, avevi l’intenzione di far assaporare al tuo cuore il motto della Gente della Taqwa e del timore di Dio?”

    – “No.”

    – “Allora non sei passato per i Due Segni, né hai pregato, né camminato per Muzdalifah, né hai raccolto le pietre, né sei entrato Ma’sharul Haram.”

    – “E quando sei giunto a Mina, hai lanciato le pietre, tagliato i tuoi capelli, sacrificato [un agnello], compiuto la Preghiera nella moschea di Kheif e al ritorno a Mecca realizzato il Tawaf?”

    – “Si.”

    – “E quando eri a Mina e hai lanciato le pietre, sapevi di aver raggiunto il tuo obiettivo e che Dio ha esaudito le tue richieste?”

    – “No.”

    – “E nel tagliarti i capelli, eri cosciente che dovevi rimanere puro da ogni malvagità e ingiustizia verso il prossimo ed astenerti dai peccati e impurità come il giorno in cui sei nato?”

    – “No”, disse Shiblì.

    – “Nel realizzare la Preghiera nella moschea di Kheif sapevi che non dovevi temere alcuno e riporre speranza in altri che il tuo Signore?”

    – “No.”

    – “E nel sacrificio [dell’agnello], sapevi che stavi uccidendo la tua avarizia e stavi seguendo la Tradizione di Abramo (as), che voleva sacrificare suo figlio Ismaele (as), frutto del suo cuore e tranquillità della sua anima (per adempiere all’ordine d Dio)?”

    – “No.”

    – “Dimmi, Shiblì, al tuo ritorno a Mecca e nel momento di fare il Tawaf, sapevi che eri tornato ad obbedire Dio, che ti eri avvicinato a Lui, che eri Suo amico e che avevi adempiuto ai tuoi doveri?”

    – “No.”

    – “Allora non sei andato a Mina, non hai lanciato le pietre, né tagliato i tuoi capelli, né hai sacrificato un animale. Non hai pregato, né realizzato il Tawaf, né ti sei avvicinato a Dio. Torna a Mecca perché, in realtà, non hai realizzato il Hajj (Pellegrinaggio).”

    Ascoltando queste parole Shiblì iniziò a piangere per la sua negligenza e colpa e per aver perso tutto le benedizioni, influenze spirituali e segreti preziosi contenuti nell’Hajj e da quel giorno fino all’arrivo del periodo successivo del Pellegrinaggio si impegnò nell’acquisizione della conoscenza dei segreti dello Hajj e l’anno successivo, con una conoscenza profonda e un credo saldo, ha compiuto i riti dell’Hajj.

     

    Traduzione a cura di Islamshia.org © E’ autorizzata la riproduzione citando la fonte