Fonti Islamiche

    1. home

    2. article

    3. Il versetto centoquarantaquattro della sura Aali ‘Imran (3), afferma il martirio del profeta Muhammad (S)?

    Il versetto centoquarantaquattro della sura Aali ‘Imran (3), afferma il martirio del profeta Muhammad (S)?

    Il versetto centoquarantaquattro della sura Aali ‘Imran (3), afferma il martirio del profeta Muhammad (S)?
    Rate this post

     

    Il versetto centoquarantaquattro della sura Aali ‘Imran (3), afferma il martirio del profeta Muhammad (S)?

     

    Domanda

    Il versetto:
    “وَ مَا محُمَّدٌ إِلَّا رَسُولٌ قَدْ خَلَتْ مِن قَبْلِهِ الرُّسُلُ أَ فَإِیْن مَّاتَ أَوْ قُتِلَ انقَلَبْتُمْ عَلىَ أَعْقَابِکُمْ”
    “Muhammad non è altro che un messaggero, altri ne vennero prima di lui; se morisse o se fosse ucciso, ritornereste sui vostri passi?” (Sacro Corano, 3:144),
    afferma il martirio del nobile Inviato dell’Islam (S)?

     

    Risposta (di islamquest.net)

    Risposta concisa

    Il versetto citato nella domanda fu rivelato durante la battaglia di Uhud, dopo che tra i musulmani si era diffusa la diceria che il Profeta (S) era stato ucciso. Un gruppo di musulmani lasciò il campo di battaglia e alcuni, con la morte del Profeta, pensarono addirittura di abbandonare la religione islamica e di chiedere protezione ai capi dei politeisti. A quel punto fu rivelato il nobile versetto che biasimava fortemente un gruppo di musulmani ritiratosi dalla guerra: i musulmani devono essere sempre saldi nella propria religione; che il Profeta sia vivo, morto o ucciso, essi non devono rinnegare la loro religione.

    Il verbo “qutila” (ucciso) si riferisce quindi unicamente a una supposizione, cioè anche supponendo che il Profeta sia ucciso, i musulmani devono mantenere la propria religione e non devono trascurare i loro doveri; in conclusione il versetto non afferma il martirio del Profeta (S).

    Risposta dettagliata

    La questione della morte o del martirio del profeta Muhammad (S) fa parte di quegli argomenti che sono stati discussi e analizzati; tramite alcune motivazioni tratte dai libri di hadìth e storia si può dimostrare il martirio di quel Nobile.

    In merito al riferimento al martirio del Profeta (S), nel nobile versetto “Muhammad non è altro che un messaggero, altri ne vennero prima di lui; se morisse o se fosse ucciso, ritornereste sui vostri passi? Chi ritornerà sui suoi passi, non danneggerà Allah in nulla”[1], è necessario prestare attenzione alle circostanze in cui fu rivelato, vale a dire:

    “In una fase critica della battaglia tra i musulmani e i politeisti, si alzò una voce che disse: «Ho ucciso Muhammad …». Questo accadde proprio quando un individuo di nome ‘Amr ibn Qumay’ih Harithi lanciò un sasso verso il Profeta rompendo la fronte e il dente, e ferendo il labbro inferiore di quel Nobile. In quel momento il nemico voleva uccidere il Profeta ma Mus’ab ibn ‘Umayr –  uno degli alfieri dell’Islam – lo impedì rimanendo egli stesso ucciso, e poiché era molto somigliante al Profeta (S), il nemico pensò che si trattasse del Profeta (S) e quindi annunciò ad alta voce questa notizia a tutto l’esercito”[2].

    La diffusione di questa notizia ebbe un effetto positivo sullo spirito dei politeisti, mentre tra i musulmani creò un’immensa agitazione. Un gruppo composto dalla maggior parte dei musulmani, preso dal panico, lasciò precipitosamente il campo di battaglia, e alcuni, con la morte del Profeta, pensarono addirittura di abbandonare la religione islamica e di chiedere protezione ai capi dei politeisti. Dalla parte opposta c’era una minoranza di fedelissimi come Alì (A), Abu Dajjanah, Talhah e altri compagni del Profeta, che invitò gli altri musulmani a resistere, fin quando si chiarì che il profeta Muhammad (S)  era vivo e la notizia era stata diffusa tra i musulmani per sbaglio o come menzogna. In quel momento fu rivelato il nobile versetto in questione e il gruppo di musulmani che aveva disertato fu fortemente biasimato[3]. Il versetto citato si riferisce quindi al fatto che l’Islam non è una religione che adora un individuo, e anche supponendo che il Profeta (S) fosse stato martirizzato in quella battaglia, il dovere dei musulmani, senza dubbio, sarebbe stato di continuare la battaglia; essi devono essere saldi nella propria religione, poiché l’Islam non ha fine con la morte o il martirio del Profeta, bensì è la religione vera e perpetua[4].

    Il verbo “qutila” (ucciso) si riferisce quindi unicamente a una supposizione, cioè anche supponendo che il Profeta sia ucciso, i musulmani devono mantenere la propria religione e non trascurare i propri doveri; in conclusione tale versetto non afferma il martirio del Profeta (S).

     
    Note

    [1] Sacro Corano, 3:144:

    “وَ مَا محُمَّدٌ إِلَّا رَسُولٌ قَدْ خَلَتْ مِن قَبْلِهِ الرُّسُلُ أَ فَإِیْن مَّاتَ أَوْ قُتِلَ انقَلَبْتُمْ عَلىَ أَعْقَابِکُمْ”.

    [2] Naser Makarem Shirazi, Tafsir-e Nemuneh, vol. 3, pag. 115, Dar al-kutub al-islamiyyah, Teheran, 1995.

    [3] Ibidem.

    [4] Ivi, pag. 116 e cfr.: Abu ‘Abdullah Muhammad ibn ‘Umar Fakhr Razi, Mafatih al-Ghayb, vol. 9, pag. 377, Dar ihya’ al-turath al-‘arabi, Beirut, 1420 AH.