Fonti Islamiche

    1. home

    2. article

    3. La dimensione spirituale dell’Imam Husayn (as)

    La dimensione spirituale dell’Imam Husayn (as)

    • Imam Khamenei
    • Islamshia.org
    La dimensione spirituale dell’Imam Husayn (as)
    Rate this post

    La dimensione spirituale dell’Imam Husayn (as)

    Estratti da un discorso della Guida della Rivoluzione Imam Seyyed Ali Khamenei

    La personalità ammirevole e spendente dell’Imam Husayn (la pace discenda su di lui) presenta due dimensioni:

    Una è la dimensione del Jihad e del Martirio e il ciclone che ha provocato nel corso della storia; ciclone che permarrà – con le benedizioni che lo caratterizzano – tuonante nel corso delle epoche. Voi avete familiarità con questa prima dimensione.

    La seconda è la dimensione spirituale e gnostica. Essa si manifesta in una forma evidente e sorprendente nella supplica (du’a) di ‘Arafat.

    Abbiamo un’altra supplica per il giorno di ‘Arafat che ci è giunta attraverso l’opera “As-Sahifah as-Sajjadiya” dell’Imam Zain al-‘Abidin (as). Una volta stavo comparando queste due suppliche; prima lessi l’invocazione dell’Imam Husayn (as) e poi quella trasmessa in “As-Sahifa As-Sajjadiyyah”.

    In ripetute occasioni mi sembrò che la supplica dell’Imam As-Sajjad (as) fosse una spiegazione della supplica di ‘Arafat, come se la prima – ossia l’invocazione dell’Imam Husayn (as) – fosse il testo originale e la seconda la spiegazione; come se la prima fosse la radice e la seconda la ramificazione. La supplica di ‘Arafat è veramente una supplica meravigliosa. Troveremo questo stesso tono e questo stesso spirito “Husaynì” che si osserva nella supplica di ‘Arafat, nella dissertazione che pronunciò davanti alle grandi personalità della sua epoca ed ai grandi musulmani tra i Tabi’in a Mina.

    Quando osserviamo l’episodio di Ashura e gli avvenimenti di Karbala, vediamo l’Imam Husayn (as) parlare con un linguaggio di amore, compiacimento e gnosi con Dio, nonostante si trovasse in un campo di battaglia, tra spade e morte. E alla fine della battaglia, quando posò la sua benedetta guancia sulla polvere dell’ardente Karbala, lo si ascoltò dire: “Dio Mio! Il mio compiacimento è con quello che Tu hai designato e mi sottometto al Tuo decreto”.

    Allo stesso modo, quando partì da La Mecca disse: “Chi vuole sacrificare la sua vita per noi, e si sente preparato affinché la sua anima incontri Dio, che si unisca a noi!”.

    Egli legò il suo viaggio alla supplica, alla litania ed al desiderio di incontrare Iddio. Il significato di questo è che l’avvenimento di Ashura è in sé stesso un avvenimento gnostico, nonostante sia mescolato con il combattimento, la morte, il martirio ed il massacro. L’evento di Ashura è una pagina sublime che coinvolge tutte le epoche. Se osserviamo la profondità della trama di questo avvenimento sanguinoso, vedremo i segni della gnosi, della spiritualità, della sottomissione a Dio e della profondità della supplica di ‘Arafat.

    Questa è l’altra dimensione della personalità dell’Imam Husayn (S) e deve esser oggetto di considerazione al fianco della prima dimensione rappresentata dal Jihad e dal Martirio.

    La questione che desidero segnalare è che è possibile dire categoricamente che gli aspetti della spinta spirituale, della gnosi e della supplica verso Dio, l’annichilimento in Lui e il non veder l’Io davanti alla Sua Sacra Volontà – in altre parole, la prima dimensione, ossia l’aspetto del Jihad e del martirio – giunge come prodotto e risultato del secondo, ossia di questo stesso spirito gnostico e spirituale di cui sono privati molti dei credenti tra coloro che combattono e ottengono il martirio, con tutta la nobiltà che questo rappresenta.

    Se indebolisce questo vincolo con Dio, l’essere umano cade vittima dei suoi bassi istinti, la sua attenzione è governata dalle passioni e si indebolisce inoltre il suo potere di combattere il nemico. L’essere umano è esposto alle passioni ed ai desideri, e non è facile che si mantenga indenne da essi in una forma definitiva, ma l’importante è che non permetta che le passioni animali, gli interessi materiali e ai desideri effimeri delineino il corso della sua vita, determino per lui il sentiero da percorrere e abbiano un ruolo decisivo nel cambiare il cammino sul quale è transitato.

    Ciò che limita tali pericoli sono precisamente queste questioni spirituali ed etiche: la supplica, il ricordo e l’attenzione verso Dio, la purificazione dell’anima e la costruzione di sé stessi, purificandola dai vizi, prestando grande importanza a questo comportamento.

    Ci sono tante persone che recitano molte suppliche, invocazioni e compiono altre azioni simili, ma che non riescono ad estirpare dalla loro anima i vizi, l’egoismo, la superbia, l’avarizia, la cupidigia, l’invidia, il rancore, il cattivo pensiero.

    L’Islam vuole che le persone siano compassionevoli tra loro, che ognuno si preoccupi del destino dell’altro, che si aiutino reciprocamente e correggano i loro errori, che ognuno preghi per l’altro e si comporti con amore e benevolenza, come recita il Sacro Corano:

    “E si raccomandano reciprocamente la misericordia” (Sura Al-Balad, 90: 17).

    Ogni persona deve cercare l’aumento dell’amore tra i fratelli, tra le sorelle, tra gli amici, tra i membri della comunità islamica, deve sforzarsi per fare in modo che aumentino i vincoli affettivi, il desiderare il bene per gli altri e gli attributi di virtù e altruismo.