Fonti Islamiche

    1. home

    2. article

    3. Lavoravo in un negozio il cui proprietario decise di licenziarmi; non mi pagò però il resto del salario spettantemi. Posso appropriarmi di qualcosa del suo negozio o di alcuni suoi beni per recuperare ciò che mi spetta?

    Lavoravo in un negozio il cui proprietario decise di licenziarmi; non mi pagò però il resto del salario spettantemi. Posso appropriarmi di qualcosa del suo negozio o di alcuni suoi beni per recuperare ciò che mi spetta?

    Lavoravo in un negozio il cui proprietario decise di licenziarmi; non mi pagò però il resto del salario spettantemi. Posso appropriarmi di qualcosa del suo negozio o di alcuni suoi beni per recuperare ciò che mi spetta?
    Rate this post

     

    Lavoravo in un negozio il cui proprietario decise di licenziarmi; non mi pagò però il resto del salario spettantemi.

    Posso appropriarmi di qualcosa del suo negozio o di alcuni suoi beni per recuperare ciò che mi spetta?

     

    Domanda

    Lavoravo in un negozio il cui proprietario, in seguito a una discussione, decise di licenziarmi. Dopo questa vicenda non mi ha più pagato il resto del mio salario. In queste condizioni, posso appropriarmi di qualcosa del suo negozio o di alcuni suoi beni per recuperare ciò che mi spetta?

     

    Risposta concisa (di islamquest.net)

    La sua domanda è stata inoltrata agli uffici dei marja taqlid e le loro risposte sono le seguenti.

    Ayatollah Khamenei

    È permesso appropriarsi di beni appartenenti al debitore solo se questi nega il proprio debito o neglige il suo pagamento, e non vi è altro modo per far valere i propri diritti; in caso contrario non è permesso appropriarsi di un suo bene senza permesso.

    Ayatollah Sistani

    Se lui ha un debito nei suoi confronti e si rifiuta di pagarlo, nonostante ammetta questo debito, lei può appropriarsi di ciò che le capita tra le mani per recuperare ciò che le spetta.

    Ayatollah Makarem Shirazi

    Non abbiamo informazioni sulla vicenda personale, però, in generale, se una persona si appropria di un diritto altrui e l’oppresso può accedere ai suoi beni, quest’ultimo può impossessarsi della quantità che gli spetta a condizione che ciò non sia causa di corruzione.

    Ayatollah Safi Golpaigani

    Nel caso citato è meglio recarsi dal proprietario del negozio e chiedere il resto del proprio credito in modo pacifico, oppure risolvere la questione rivolgendosi alle autorità giudiziarie.

    Ayatollah Mahdi Hadavi Tehrani

    Se non è possibile far valere i propri diritti attraverso vie legali o parlando amichevolmente con il proprietario del negozio, lei può impossessarsi dei suoi beni in proporzione al credito, basandosi sul contratto che aveva stipulato con lui.