Fonti Islamiche

    1. home

    2. article

    3. L’etica ha un legame con l’intelletto?

    L’etica ha un legame con l’intelletto?

    L’etica ha un legame con l’intelletto?
    Rate this post

     

    L’etica ha un legame con l’intelletto?

     

    Domanda

    L’etica ha un legame con l’intelletto?

     

    Risposta concisa (di islamquest.net)

    L’etica come molte scienze si suddivide in due parti:

    1. Etica teorica
    2. Etica pratica

    La conoscenza degli argomenti e delle regole etiche è connessa direttamente all’intelletto, cioè più l’intelletto di una persona è elevato, maggiormente apprenderà, e più sarà basso, meno apprenderà da questa scienza.

    Per quanto riguarda l’applicazione delle regole etiche, invece, a cui apparentemente anche la domanda si riferiva, è necessaria una spiegazione più approfondita.

    La definizione di etica (akhlaq) è stata così espressa: «Akhlaq è il plurale di khulq e quest’ultimo consiste nella “forza e capacità dello spirito umano, che gli permette di compiere le azioni facilmente, senza esitare e pensare”».

    L’etica è quindi una predisposizione penetrata nell’animo umano che gli permette di compiere azioni senza che il suo ego provi avversione. Pertanto ogni buona azione che viene compiuta pensando alla sua conseguenza, non è un’eccellenza etica, nonostante sia lodata come uno stato etico. Un individuo etico è colui che è talmente abituato a compiere buone azioni, che esse vengono compiute senza esitazione; per esempio è un sommozzatore o un nuotatore chi entra in acqua senza esitazione e incomincia a nuotare, mentre chi in principio scruta l’acqua per un po’ di tempo, riflette su di essa e poi entra cautamente in acqua, non è un sommozzatore. Anche le questioni etiche sono così: se un individuo si abitua alle eccellenze etiche in modo da compierle senza esitazione, ha acquisito padronanza delle eccellenze etiche, però se uno in principio si sofferma a riflettere  e solo in seguito conclude che per esempio deve essere casto o agire secondo la giustizia, non ha acquisito padronanza della giustizia e dal punto di vista etico non può essere considerato possessore di eccellenze etiche, pur avendo compiuto azioni etiche[1].

    In conclusione l’intelletto è legato solamente all’apprendimento delle regole e della scienza dell’Etica e ci assiste nel comprendere gli insegnamenti etici, però nel campo dell’applicazione delle regole etiche, ciò che è importante è impegnarsi e mettere in pratica le istruzione etiche.

     
    Nota

    [1] Shaykh Tabarsi, Al-Adab al-Diniyyat lil-Khazanat al-Ma’iniyyah, Ahmad ‘Abedi, pp. 194 e 195, con lievi modifiche, Za’er, prima stampa, Qom, 2001.