Fonti Islamiche

    1. home

    2. article

    3. Parte (24): sura Al Baghara (Giovenca), versetti 113-117

    Parte (24): sura Al Baghara (Giovenca), versetti 113-117

    Parte (24): sura Al Baghara (Giovenca), versetti 113-117
    Rate this post
    Iniziamo subito con la lettura del 113imo versetto della sura della Giovenca , (AlBaghara`):
    وَقَالَتِ الْيَهُودُ لَيْسَتِ النَّصَارَىٰ عَلَىٰ شَيْءٍ وَقَالَتِ النَّصَارَىٰ لَيْسَتِ الْيَهُودُ عَلَىٰ شَيْءٍ وَهُمْ يَتْلُونَ الْكِتَابَ ۗ كَذَٰلِكَ قَالَ الَّذِينَ لَا يَعْلَمُونَ مِثْلَ قَوْلِهِمْ ۚ فَاللَّهُ يَحْكُمُ بَيْنَهُمْ يَوْمَ الْقِيَامَةِ فِيمَا كَانُوا فِيهِ يَخْتَلِفُونَ
    “Gli ebrei dicono:”I nazareni si basano sul nulla “; e i nazareni dicono: “I giudei si basano sul nulla “; e gli uni e gli altri recitano il Libro. Anche quelli che non conoscono nulla parlano alla stessa maniera. Allah, nel Giorno della Resurrezione, giudicherà dei loro dissensi”. (2:113)
    Questo versetto della sura della Giovenca, venne ispirato al profeta dopo una vicenda particolare. Infatti quando dal Profeta si erano recati i capi religiosi dei cristiani che vivevano nella localita` araba in Najran, giunsero dal profeta anche alcuni capi religiosi ebrei . prima che ognunodeidue gruppi inizi a parlare con il profeta , vi fu un’accesa discussione tra i capi religiosi . Secondo I testi storici , “Rafi Ben Harmala”, uno dei capi ebrei, si rivolse ai crsitiani e li offese dicendo che Gesu`(la pacesia con lui), nonera profeta di Dio e che il Crsitianesimo era un’invenzione. Uno dei capi religiosi cristiani rispose dicendo lo stesso dell’Ebraismo. Il versetto pare che stigmatizzi il comportamento di entrambi. La verita` e` che l’uomo non deve farsi travolgere da inutili sensazioni; nonha senso credere che la propria etnia, la propriam religione ed ecc… sia sempre la migliore . il versetto spiega che anche coloro che niente sannodel Libro di Dio, si credono giusti. Bisogna essere attenti, ascoltare anche voci esterne a quelle che si sentono sempre ed arrendersi dinanzi alla verita`, sia essa detta dai nostri o da estranei. Chiudere gli occhi, smettere di ragionare e parlare solo con il proprio orgoglio , vuole ricordare la sura , trasforma nello stesso stato dei miscredenti, anche la gente del Libro, e cioe` coloro che hanno ricevuto scritture da Dio e che credono in lui. Ed ora leggiamo I versetti 114 e 115 della sura:
    وَمَنْ أَظْلَمُ مِمَّنْ مَنَعَ مَسَاجِدَ اللَّهِ أَنْ يُذْكَرَ فِيهَا اسْمُهُ وَسَعَىٰ فِي خَرَابِهَا ۚ أُولَٰئِكَ مَا كَانَ لَهُمْ أَنْ يَدْخُلُوهَا إِلَّا خَائِفِينَ ۚ لَهُمْ فِي الدُّنْيَا خِزْيٌ وَلَهُمْ فِي الْآخِرَةِ عَذَابٌ عَظِيمٌوَلِلَّهِ الْمَشْرِقُ وَالْمَغْرِبُ ۚ فَأَيْنَمَا تُوَلُّوا فَثَمَّ وَجْهُ اللَّهِ ۚ إِنَّ اللَّهَ وَاسِعٌ عَلِيمٌ
    “Chi è più ingiusto di chi impedisce che nelle moschee di Allah si menzioni il Suo nome e che anzi cerca di distruggerle? Per loro ci sarà ignominia in questa vita e un castigo terribile nell’altra. Ad Allah appartengono l’Oriente e l’Occidente. Ovunque vi volgiate, ivi è il Volto di Allah . Allah è immenso e sapiente”. (2:114,115)
    Le moschee, sono state nella storia dell’islam, sempre il nucleo dalla quale sono partite le grandi trasformazioni societarie; sono sonostate molte volte la sede dei governi oltre a centro di raccoglimento per I fedeli. Sono stati per questo motivo molti anche coloro che hanno voluto la distruzione materiale delle moschee o hanno cercato di eliminare le loro funzioni. Anche oggi la moschea AlAghsa` di Gerusalemme, e` in distruzione per I motivi di cui tutti siamo al corrente. Ma il versetto per distruzione non intende solo una distruzione materiale; qualunque opera che danneggi le funzionidelle moschee ed ecc… e` un opera che e` la piu` ingiusta. Oggi nei paesiislamici i nemici cercano in tutti i modi di diffondere fil osceni, ed altre cose immorali per allontanare la gioventu` musulmana dai valori religiosi e dalle moschee. Il versetto ricorda che piu` ingiusti di soci` non si puo` e che la gente che si macchia di cio`, nella vita avra` solo infamia ed un castigo enorme nell’altra. Il versetto seguente ricorda un principio molto importante; Dio non ha un posto o un luogospecifico o fisso. Egli e`dovunque , ad Oriente, ad Occidente; da ognmip arte che l’uomo si volti trovera` Dio. Questo versetto venne ispirato dopo la vicenda del cambio della Qibla dei musulmani e cioe` il luogo verso cui si dovevano volgere per pregare, da Gerusalemme alla Mecca. Il versetto vuole spiegare che tutti i musulmani si devono volgere verso un luogo determinato per legge, ma cio` non vuol dire che solo in quella direzione il Signore esista. Iddio e` Onnipotente, Onniscente ed e` presente ovunque. Ed ora leggiamo i versetti 116 e 117 della sura della Giovenca:
    وَقَالُوا اتَّخَذَ اللَّهُ وَلَدًا ۗ سُبْحَانَهُ ۖ بَلْ لَهُ مَا فِي السَّمَاوَاتِ وَالْأَرْضِ ۖ كُلٌّ لَهُ قَانِتُونَبَدِيعُ السَّمَاوَاتِ وَالْأَرْضِ ۖ وَإِذَا قَضَىٰ
    أَمْرًا فَإِنَّمَا يَقُولُ لَهُ كُنْ فَيَكُونُ
    “Dicono:”Allah si è preso un figlio” . Gloria a Lui! . Egli possiede tutto quello che è nei cieli e sulla terra. Tutti Gli sono sottomessi.Egli è il Creatore dei cieli e della terra; quando vuole una cosa, dice “Sii”ed essa è”. (2:116,117)
    Un’altro dei pensieri errati esistenti tra i fedeli della gente del Libro, e` quella di chiamare il proprio profeta come figlio di Dio. Simili termini provengono dall’immaginazione degli esseri umani, mentre in verita` Dio e` al di sopra di simili termini e dal fatto che possa avere un figlio. Egli e` come nient’altro e pertanto gli uomini non devono errare cercando di crederlo simile ai fenomeni conosciuti dalla loro mente. Cari amici, siamo in chiusura, ma prima di lasciarvi vi vogliamo ricordare alcuni conclusioni tratte dalla lettura di oggi: 1- una della peggiori cose e l’orgoglio insensato che alcune volte trascina l’uomo verso azioni insensate e fuori di senno2- le poschee sono paragonabili ad un fronte dove si combatte contro la miscredenza . bisogna sempre cercare di rafforzare le funzioni di questi luoghi di culto3- Dio non ha casa o un luogo fisso dove stare . ovunque vi vogliate , ivi e` il voltodi Allah.4- Dio, non e` un essere umano epertanto non ha moglie e figli. Dio e` il creatore dei cieli e della terra, che a niente assomiglia e che pertanto non possiamo immaginare esattamente, con la nostra mente, che ha molti limiti.