Fonti Islamiche

    1. home

    2. article

    3. Per porre delle domande inerenti alle regole islamiche, bisogna essere degli esperti?

    Per porre delle domande inerenti alle regole islamiche, bisogna essere degli esperti?

    Per porre delle domande inerenti alle regole islamiche, bisogna essere degli esperti?
    Rate this post

     

    Per porre delle domande inerenti alle regole islamiche, bisogna essere degli esperti?

     

    Domanda

    A volte poniamo delle domande ai sapienti e loro ci lasciano una cattiva impressione, poiché non conoscevamo la risposta di quelle domande, oppure abbiamo avanzato un quesito riguardo a un argomento particolare.
    Loro dicono che siccome non conosciamo l’arabo e non abbiamo seguito corsi avanzati, non abbiamo il diritto di citare degli hadìth e di analizzarli, bensì dobbiamo consultare loro in qualità di esperti; questo è giusto?
    L’Islam e Dio non hanno concesso a nessuno il potere di conoscere gli assiomi e di pensare?
    Questo tipo di sapienti allontana la gente dall’Islam invece di avvicinarli a esso (amichevolmente e con comprensione reciproca).

     

    Risposta concisa (di islamquest.net)

    La conoscenza e l’apprendimento delle regole e delle scienze islamiche, dal punto di vista della profondità, constano di vari livelli:

    1. Conoscenza elementare e superficiale: come l’apprendimento delle regole pratiche, l’etica e il credo.
    2. Conoscenza argomentativa: per esempio l’apprendere le motivazioni giuridiche delle regole pratiche, etiche e del credo.
    3. Conoscenza della filosofia delle regole pratiche, etiche e del credo.

    L’apprendimento e il porre domande del primo livello (conoscenza elementare) è un dovere di tutti gli individui ed è doveroso che i sapienti rispondano ai loro quesiti. Però l’apprendimento del secondo e terzo livello, senza aver prima conseguito le abilità e gli strumenti necessari, non renderà il risultato accettabile ed è possibile che alcuni lo considerino uno spreco di tempo, similmente a chi voglia costringere un medico a spiegare i motivi specifici di una malattia senza avere conoscenze professionali in campo medico: è naturale che in un simile caso perderà tempo sia il medico, sia colui che ha posto la domanda.

    In realtà i sapienti religiosi hanno sempre cercato di aumentare le conoscenze della gente diffondendo libri e organizzando sedute ove esporre i propri quesiti, ecc., comportandosi secondo l’etica islamica e rispondendo cordialmente.

    I numerosi siti internet – avviati da noti sapienti per rispondere a domande riguardanti anche il secondo e terzo livello – attestano la nostra affermazione.